.BlockchainPRO

 .BlockchainPRO

Arte e Collezionismo

IDENTIFICAZIONE DELL’EMITTENTE E VERIFICA ALLA FONTE
Com’è possibile distinguere un’opera d’arte originale da un falso? Attraverso la firma del suo autore.

Ma solo se questa firma

  • non può essere scollegata dall’opera
  • non può essere apposta su prodotti falsi
  • non può essere ripudiata

Allo stesso modo in una blockchain: se un token è un pezzo da collezione, o se ad esso è associata un’opera d’arte del mondo tangibile, allora puoi assicurarti facilmente della sua originalità: l’autore dell’opera, che deve essere anche l’emittente del token, dovrà sì comunicarne al mondo la paternità, ma dovrà anche essere in grado di dimostrarla apponendo una firma digitale con l’adeguata chiave privata.

DIGITAL TWIN E ANTI-CONTRAFFAZIONE

La blockchain conosce solo ciò che accade dentro il registro della blockchain stessa. Per questo motivo, se si vogliono inserire informazioni del mondo tangibile c’è bisogno di un intervento esterno. Se per esempio un autore di un’opera d’arte, o anche un produttore di articoli di lusso, vuole tokenizzare il proprio oggetto, ovvero renderlo “disponibile” nella blockchain, ha la possibilità di inserire dentro a un token dei metadati specifici che consentono di “agganciarlo” inequivocabilmente all’oggetto tangibile. In questo modo si crea, di fatto, un “gemello digitale” dell’opera tangibile.

Questo token può poi accompagnare il bene fisico lungo il suo ciclo di vita per testimoniarne l’originalità.

Unito alla verifica alla fonte dell’autore dell’oggetto, questo approccio e la sua trasparenza insita consentono di combattere la contraffazione nel mondo dell’arte e del collezionismo dei beni di lusso.

SCARSITÀ DIGITALE COMPROVATA
Spesso il valore di un pezzo da collezione o di un’opera d’arte deriva dalla rarità del pezzo stesso, combinata con l’autenticità della sua paternità. All’interno di uno smart contract pubblico è possibile leggere e verificare con certezza se esiste e a quanto ammonta la tiratura limitata dei token che potranno essere emessi.

Talvolta i token sono già tutti coniati e si può verificare immediatamente quanti sono; altre volte, invece, la coniatura avviene gradualmente. In entrambi i casi, comunque, se nello smart contract è impostato un max cap che definisce la quantità massima di token in circolazione, allora si può essere matematicamente certi che non ne esisteranno mai più di quella quantità.

PROPRIETÀ FRAZIONATA

Gli NFT, o Token Non Fungibili, sono diventati molto famosi nello spazio digitale. Grazie a questa fama diffusa i token dei progetti di più alto livello, sia speculativo che non, sono giunti a prezzi astronomici .

Alcune opere d’arte digitali e alcuni collezionabili rari sono molto cari e le vendite avvengono con una rapidità tale per cui sono richiesti un tempismo elevato e dei fondi cospicui per entrare in possesso degli NFT di maggior prezzo e valore.

Ci sono due possibilità per acquistare questi NFT senza ricorrere ad investimenti personali di capitali enormi: la proprietà frazionata e le offerte di gruppo.

Entrambe queste possibilità consentono a molteplici persone di acquistare un NFT tramite smart contract che registrano dati sulle proprietà. Offrono una soluzione intelligente all’esclusività delle proprietà degli NFT e permettono alla comunità più estesa di accedere al mercato.

Cripto arte e marketplace

La cripto-arte, cioè la realizzazione di opere d’arte direttamente in formato digitale,  porta con sé un grande cambiamento. Le stesse opere diventano fruibili in modi diversi, ad esempio possono animarsi in presenza di determinati stimoli oppure avere un follow-up in svariate forme, attivabile solo dal titolare dell’opera. Grazie alla registrazione in un registro distribuito e immutabile, non corrono il rischio di deterioramento nel tempo.  

La non presenza di intermediari permette ai soggetti di scambiarsi un’opera d’arte digitale in modo istantaneo, veloce, sicuro e un numero infinito di volte. Grazie all’uso di smart contract i creatori ricevono la fee per ciascuna delle transazioni avvenute dopo il primo scambio – la blockchain alimenta il concetto di creazione dell’economia.

Blockchain e NFT hanno aperto le porte a tutti: artisti affermati e non, quotati e non.   Se inizialmente questo ha permesso l’ingresso nel settore di creazioni prive di gusto artistico, a volte nate per puro scherzo, nel tempo il mercato si sta stabilizzando, lasciando spazio solo ad opere di valore. 

Le opere inserite su gallerie d’arte digitali sono accessibili ad un pubblico molto più vasto. Questo è importante sia dal pdv educativo che economico. La casa d’asta Sotheby’s ha creato la propria sede nel metaverso dove ha svolto le prime aste. Per motivi di sicurezza,  nelle aste svolte presso la sede fisica entra un numero molto limitato di persone scelte tra artisti e investitori, nella sede virtuale l’accesso è aperto a tutti.

L’esposizione delle opere in una galleria d’arte virtuale apre nuove opportunità dal punto di vista degli allestimenti che possono essere personalizzati facilmente, aumentando il valore delle opere, possono essere modificati per capire, grazie al digital twin, come una certa opera d’arte fisica si inserirebbe nell’ambiente dell’acquirente e possono essere visitati all’istante da qualunque parte del mondo h24.

Vuoi capire qual é il percorso migliore per te?

Contatta i nostri Esperti, rispondiamo entro 4 Ore

Contattaci per ottenere maggior informazioni

[contact-form-7 id="6" title="Modulo di contatto 1"]