.BlockchainPRO

 .BlockchainPRO

Votazioni

DAO: 

Una decentralised autonomous organisation (DAO) è un tipo di organizzazione automatizzata grazie agli smart contract. Sono organizzazioni basate su blockchain che sono di proprietà collettiva e gestite dai loro stessi membri, utenti e team.
Gli smart contract definiscono le regole dell’organizzazione ed eseguono le funzioni di governance come le votazioni. La maggior parte delle decisioni importanti nelle DAO iniziano come proposte e sono infine decise dal voto dei membri che è registrato su una blockchain. 
Questo metodo regola anche la gestione della tesoreria della community, fornendo così maggiore trasparenza rispetto alle classiche organizzazioni.

FIRME ELETTRONICHE:

La tecnologia blockchain consente alle aziende di integrare funzionalità avanzate di firma di documenti crittografati nei propri documenti. Ciò rende l’accettazione di contratti, offerte o fatture semplice, affidabile e legalmente verificabile. Questo, in definitiva, riduce il rischio di controversie ed elimina errori e problemi di sicurezza.

VOTO ON-LINE:

La votazione è un elemento fondante di ogni collaborazione fra individui, con metodi che spaziano dall’alzata di mano all’urna elettorale, fino alle votazioni online e alle piattaforme di ‘democrazia liquida’. Le piattaforme online di voting sono però soggette ad alcuni problemi che ne minano la definitività e la certezza. Nell’ambito delle pubbliche elezioni, queste criticità vengono gestite ad un costo: basti pensare alle diverse figure coinvolte nel controllo e nel computo dei voti e alla peculiarità dell’equipaggiamento utilizzato.

La blockchain può rendere ogni votazione online sicura e verificabile come una pubblica elezione.
In un sistema online è possibile votare da computer, tablet o cellulare senza doversi recare fisicamente al seggio, ma con le stesse o migliori garanzie di una pubblica elezione:

  • Voto sicuro, anonimo, verificabile in ogni momento
  • Impossibilità di votare due volte o perpetrare brogli elettorali
  • Basso costo di gestione, non è richiesto controllo manuale

Il processo di voto può sembrare semplice, ma il lavoro dietro le quinte è complicato. L’autorità di governo deve prima consentire e implementare volontariamente un sistema di voto basato su blockchain e garantire che i cittadini conoscano passo passo la procedura di votazione. 

Affinché il voto blockchain funzioni, deve esserci un modo per confermare che gli elettori sono cittadini di quel particolare paese. Questo può essere difficile perché significa affidarsi a un’autorità centralizzata per la verifica della cittadinanza al fine di votare su una rete decentralizzata. Ma la verifica dell’identità è essenziale, poiché aiuta a impedire agli elettori di votare più di una volta.

Ad esempio, Voatz, l’applicazione di voto basata su blockchain utilizzata nelle elezioni di medio termine del 2018 in West Virginia, funziona in modo simile al metodo di verifica Know Your Customer (KYC) utilizzato dalla maggior parte degli scambi di criptovalute. I potenziali elettori scaricano l’app, verificano il loro numero di telefono e forniscono una foto del loro documento d’identità e una di se stessi a scopo di verifica. Il sistema di voto può anche incorporare metodi di autenticazione biometrica (ad es. impronte digitali), PIN o a due fattori per garantire che l’utente verificato sia la persona che sta effettivamente votando in un determinato momento.

VOTAZIONE ANONIMA

Quando viene espresso il voto, il sistema di voto basato su blockchain deve privare i voti delle informazioni identificabili sotto forma di un sistema a scrutinio segreto. Lo scrutinio segreto si riferisce a un metodo di voto in cui la decisione di un elettore è anonima. È una delle componenti chiave della democrazia moderna, poiché aiuta a prevenire tentativi di terze parti di influenzare il voto di determinati cittadini.

Quali sono i vantaggi del voto Blockchain?

Convenienza e accessibilità: con il voto blockchain, le persone possono votare tramite i loro computer o telefoni invece di visitare un seggio elettorale. Questa razionalizzazione può combattere l’apatia degli elettori e aumentare l’affluenza alle urne. Aiuta anche a prevenire ritardi e la potenziale perdita di schede elettorali da parte di cittadini con disabilità o che si trovano all’estero.

Riduzione degli errori: nel voto analogico, gli elettori devono fidarsi degli addetti ai sondaggi, del personale di conteggio e degli osservatori indipendenti per la corretta gestione e conteggio dei voti. Possono verificarsi errori durante il conteggio manuale o meccanico, causando la segnalazione accidentale di voti in eccesso o in difetto. Ma in un sistema di voto basato su blockchain, i cittadini possono tenere traccia dei loro voti, che non hanno informazioni di identificazione personale, e controllare i loro record di voto, che rimangono sulla rete per sempre.

Prevenzione di frodi elettorali e brogli: un esperto afferma che la rete decentralizzata della blockchain può rilevare le frodi elettorali, poiché sarebbe troppo costoso dal punto di vista computazionale creare voti fraudolenti sulla rete. Un articolo accademico dimostra inoltre che registri di voto chiari prevengono il rischio di un’elezione rigida poiché gli elettori possono verificare i propri voti con i propri dati personali sulla rete.

Efficienza: gli attuali sistemi di voto prevedono il conteggio manuale e il conteggio meccanico, che richiedono tempo e risorse. Attraverso il bilancio di un indirizzo, gli organizzatori possono vedere direttamente i voti totali di un candidato o di un partito. Non sono necessarie infrastrutture o personale per il sondaggio, il che si traduce in un modo più economico, rapido ed efficiente per dichiarare i risultati.

Quali sono gli svantaggi del voto Blockchain?

Non tutti sono d’accordo sul fatto che il voto blockchain sarà vantaggioso per le elezioni. Un rapporto del MIT rifiuta fermamente l’implementazione del voto blockchain e non è d’accordo sul fatto che questo tipo di voto digitale aumenterebbe la sicurezza elettorale. Secondo il rapporto, è più complicato di quanto sembri implementare in modo affidabile le tecniche necessarie nella pratica. Il rapporto elenca tre principali problemi di sicurezza per un sistema di voto basato su blockchain:

La natura pubblica del registro: un elettore può mostrare a una terza parte dove ha inviato le proprie monete o gettoni come prova di come ha votato. Ciò apre la possibilità a terzi di acquistare voti o costringere gli elettori a votare in un certo modo.

Attacchi Denial of Service: gli aggressori possono tentare di interrompere la connettività di rete durante il periodo elettorale per impedire che i voti vengano espressi e convalidati in tempo. Con abbastanza soldi, gli aggressori possono anche ritardare la convalida inondando la rete blockchain di transazioni. Ciò aumenterebbe le commissioni di transazione per gli elettori e aumenterebbe i tempi di completamento della transazione.

Gestione delle chiavi: una volta che un elettore perde la propria chiave privata, perde la possibilità di votare. Se un utente malintenzionato si impossessa della chiave privata di un elettore, può votare al posto dell’elettore. Questo non è raro nel mondo delle criptovalute. Molti utenti e scambi di criptovalute hanno perso le chiavi private a causa della cattiva gestione delle chiavi. Questo non può essere evitato, poiché la crittografia a chiave pubblica è un componente fondamentale della tecnologia blockchain.

Il rapporto sfida ulteriormente l’uso della blockchain autorizzata per risolvere i primi due problemi. 

Una blockchain autorizzata è un sistema di sicurezza aggiuntivo che consente solo a determinati utenti di eseguire operazioni specifiche. Tuttavia, questa rete blockchain non fa nulla per risolvere i problemi di gestione chiave. Secondo il rapporto, le blockchain autorizzate normalmente girano anche su server sempre più omogenei, rendendo più facile la loro compromissione.

Gli autori rifiutano anche l’uso di prove a conoscenza zero per le votazioni segrete. I sistemi a prova di conoscenza zero verificano i dati senza perdere o rivelare informazioni aggiuntive. Dal loro punto di vista, sebbene le tecniche a conoscenza zero impediscano che i registri delle transazioni siano pubblicamente disponibili, tali tecniche non possono impedire agli acquirenti o ai coercitori di voti di terze parti. A causa del funzionamento della prova a conoscenza zero, la parte che gestisce i dati può scegliere di non mantenerli segreti e rivelarli volontariamente.

Vuoi capire qual é il percorso migliore per te?

Contatta i nostri Esperti, rispondiamo entro 4 Ore

Contattaci per ottenere maggior informazioni

[contact-form-7 id="6" title="Modulo di contatto 1"]